Galli: «Ora test degli anticorpi per evitare i richiami non necessari»

«Visto che Astrazeneca è stato progettato per una sola dose e visto anche che una percentuale molto elevata di persone risponde già con una sola dose, credo che sia arrivata l’occasione per il Governo e le Regioni, di sdoganare l’utilizzo e la prescrivibilità dei test per la misurazione degli anticorpi: questo potrebbe permettere di risparmiare le seconde dosi che non sono necessarie e permettere a tanti cittadini di fare un’altra dose direttamente in inverno, quando magari verrà cambiato anche il vaccino». È la proposta di Massimo Galli, direttore della clinica malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano, intervenuto ai microfoni di iNews24.it Rispetto agli Open day vaccinali, Galli rileva come «ogni Regione è una specie di repubblica indipendente che fa quello che le pare. C’è un rapporto dell’Ema del 24 aprile 2021 sul vaccino AstraZeneca - afferma - che mette in relazione il rapporto tra morti pervenute e casi di trombosi con piastrine basse, nella fascia 20 - 29 anni. Dice che il rapporto rischio-beneficio è sfavorevole». Inoltre, conclude, «già sulle seconde dosi i rischi sono inferiori e pare che non ci siano eventi gravi».