«IL POTERE DEL CANE»

Dal romanzo Neri Pozza il film di Jane Campion che vince tre Golden Globe

Una scena del film «Il potere del cane» e il libro da cui è tratto, edito in Italia da Neri Pozza
Una scena del film «Il potere del cane» e il libro da cui è tratto, edito in Italia da Neri Pozza
Una scena del film «Il potere del cane» e il libro da cui è tratto, edito in Italia da Neri Pozza
Una scena del film «Il potere del cane» e il libro da cui è tratto, edito in Italia da Neri Pozza

Un altro libro edito dalla Neri Pozza del Gruppo Athesis sale alla ribalta cinematografica. Dopo «Tre piani» di Eshkol Nevo portato sul grande schermo da Nanni Moretti, è la regista Jane Campion a fare centro al Golden Globe 2022 con «Il potere del cane», romanzo di Thomas Savage uscito nel 1967 che Neri Pozza ha pubblicato in Italia nel 2017.

Il titolo ha ottenuto tre riconoscimenti : miglior film drammatico, migliore regia e miglior attore non protagonista, Kodi Smit-McPheem, 25enne australiano di Adelaide. Presentato in settembre al Festival di Venezia in concorso tra i film internazionali (Leone d'argento alla regia), il film vede protagonisti Benedict Cumberbatch, Jesse Plemons e Kirsten Dunst: è disponibile in streaming su Netflix dal 1° dicembre.

Il romanzo di Savage (1915-2003) è ambientato nel Montana nel 1924, e si impernia su una storia familiare complessa e torbida: due fratelli allevatori in simbiosi fino a che uno si sposa. Scrittura affascinante, una sequenza di colpi di scena. «I romanzi che rientrano nel canone della letteratura di un paese presentano sempre grandi personaggi- commenta Giuseppe Russo, direttore della neri Pozza - Crudele e, nello stesso tempo, vulnerabile, Phil, il protagonista principale del Potere del cane di Thomas Savage, è per questo, come ha visto bene Jane Campion, “uno dei grandi personaggi della letteratura americana"».

Nicoletta Martelletto