Festivaletteratura

Louise O'Neill al Festival: "La vera pandemia è la violenza sulle donne"

La scrittrice irlandese ha riscritto la fiaba "La Sirenetta" di Andersen, nel suo "Il silenzio dell'acqua". Abbandonati gli stereotipi, c'è una forte chiave femminista
Louise O'Neill, nell'intervento al Festivaletteratura 2021. Con la traduzione in italiano

Tra le ospiti internazionali più attese al Festivaletteratura 2021, la scrittrice irlandese Loiuse O'Neill che da tempo indaga la condizione femminile. “La vera pandemia - ha detto nell'incontro con la stampa - è la diffusa cultura della violenza e dello stupro”. L'irlandese Louise O'Neill è tornata a Mantova cinque anni dopo la sua prima presenza al Festival. Oggi, con il suo libro “Il silenzio dell'acqua” riscrive la fiaba de “La Sirenetta” di Hans Christian Andersen, sovvertendo numerosi stereotipi e inserendo una forte chiave femminista. E sulla condizione femminile, la scrittrice irlandese interviene rimarcando che “la vera pandemia in corso da anni è quella della cultura dello stupro, la violenza contro le donne sessuale e domestica”. O'Neill ha poi raccontato il peso personale e sociale che l'emergenza sanitaria lascia e lascerà in ogni singolo individuo a livello mentale e psicologico.

Suggerimenti