Cronaca

Pedopornografia online, in carcere un 42enne

Dovrà scontare due anni e tre mesi di detenzione: due mesi soltanto la pena base massima prevista
Archivio
Archivio
Archivio
Archivio

Sa questa mattina un 42enne è in carcere per scontare due anni e dieci mesi di detenzione. Era stato processato per pedopornografia

Aveva cercato, trovato e poi visualizzato numerosi filmati, ognuno dei quali dai contenuti pedopornografici. Ora che la sua sentenza è divenuta effettiva per lui si sono aperte le porte del carcere. Ad accompagnare questa mattina all’alba un 42enne residente in provincia sono stati gli agenti della squadra mobile di Mantova. Erano stati invece gli uomini della divisione Postale ad inchiodarlo, nel dicembre del 2017. All’epoca infatti risale l’indagine a suo carico. A lui gli agenti erano arrivati indagando su di un vasto scambio di immagini pedopornografiche, ritraenti dunque minori, che si era venuto a creare nelle pieghe dei social network. Il mantovano era stato così individuato: alle sue utenze erano state ricollegate attive ricerche di materiale soprattutto video, e la consultazione. Ora è stato raggiunto dall’ordinanza di custodia cautelare in carcere spiccata per lui su iniziativa della Procura di Brescia. Dovrà scontare due anni e dieci mesi di carcere: due mesi soltanto al di sotto della pena massima prevista dal codice penale per chi detenga sui propri dispositivi o supporti, ma anche soltanto si procuri, materiale pedopornografico.