Dal nostro tg

Pronto il testo della revisione alla sanità regionale

La giunta in Regione ha pronto il testo della riforma sanitaria. Sarà presentato con una seduta straordinaria giovedì. Circola intanto la bozza con gli aggiustamenti definitivi
Il servizio dal nostro tg

Il testo ufficiale ancora non è stato reso noto ma sarebbe tra le mani della giunta. E, secondo quanto comunicato proprio in giornata, sarà reso noto soltanto giovedì. La squadra di governo di Regione Lombardia ha pronto il testo della revisione alla legge sanitaria regionale. Arrivato allo step di valutazione previsto, e provato dall’impatto che la pandemia ha avuto sulla regione, il sistema sanitario lombardo potrebbe essere dunque essere messo di fronte l’operazione di ridisegno. Sarà il consiglio chiamato a votare e, in caso di avvallo, a dare il via ai lavori.
Il testo, come detto, ancora non è stato deliberato ma lo sarà nelle prossime ore: la discussione interna alla maggioranza non sarebbe ancora conclusa. A calendario è stata messa a giovedì una seduta straordinaria di giunta per la presentazione che, di fatto, avrebbe reso inutile l’incontro che mercoledì avrebbe dovuto introdurre il testo in via prioritaria alla commissione sanità.
Terminata la fase di incontri con i portatori di interesse, una bozza tuttavia circola dopo gli incontri dell’ultima settimana. Si scoprirebbe cosi che nelle intenzioni restano inalterati gli impianti di ats e asst sul territorio, e che non ci sarebbe stata trattativa su modalità di costituzione e bacini di riferimento tra gli altri per la nascita dei distretti. Un tema molto dibattuto per il quale la giunta propone una istituzione ogni centomila abitanti contro la proposta, dalle opposizioni, di soggetti più piccoli e puntuali. Accolto invece il punto sulle conferenze dei sindaci: sino ad ora convocate solo in merito alle ats, potrebbero essere chiamate a collaborare anche a livello di asst e distretto. Al momento si tratta tuttavia di indiscrezioni che attendono la presentazione ufficiale di giovedì. E soprattutto il voto ultimo del consiglio regionale che, solo, potrà dare il via o cassare la revisione.