Lo studio del Poma

Vaccini ai pazienti oncologici. "Nessun effetto collaterale"

709 mantovani vaccinati e sotto osservazione, per oltre la metà nessun effetto collaterale e in assoluto non peggiora la tolleranza alla chemioterapia
Ilenia Zanardi Di Pietro, Caposala Oncologia ASST Mantova

Vaccini anti Covid ai pazienti oncologici. 709 mantovani vaccinati e sotto osservazione, per oltre la metà nessun effetto collaterale e in assoluto non peggiora la tolleranza alla chemioterapia. Sono i dati diffusi dallo studio del Poma. La campagna si è svolta dal 24 marzo all’11 maggio e ha coinvolto i pazienti in trattamento attivo. Nessun effetto collaterale, non peggiora la tolleranza alla chemioterapia e i casi di rifiuto sono pochissimi. Ecco i principali risultati dello studio condotto dalla struttura di Oncologia del Poma sui 709 pazienti oncologici ed ematologici a cui è stato somministrato il vaccino. Il calendario vaccinale seguiva il calendario di chemio o immunoterapia: i pazienti venivano il giorno della visita e del prelievo, il pomeriggio stesso eseguivano il vaccino (Pfizer o Moderna) e il giorno successivo normalmente erano sottoposti a terapia oncologica. Le femmine erano il 55 per cento della popolazione e l’età media 66 anni con un range da 23 a 91 anni. Solo il 6 percento dei pazienti oncologici ha rifiutato il vaccino. Un dato, sottolinea il direttore Maurizio Cantore - che testimonia la fiducia verso lo staff che giornalmente se ne prende cura.