Cronaca

Assassinio della Favorita. Identificati ed arrestato uno dei presunti autori

Le indagini della Procura e dei Carabinieri hanno permesso l'identificazione i due presunti autori della mortale aggressione costata la vita a Ndrecaj Atiljo
Il luogo dell'omicidio in località Boma
Il luogo dell'omicidio in località Boma
Il luogo dell'omicidio in località Boma
Il luogo dell'omicidio in località Boma

Identificati i due presunti autori dell'omicidio della Favorita. La notizia è stata divulgata attraverso un comunicato stampa dei carabinieri di Mantova.  L’incessante e tempestivo lavoro della Procura della Repubblica e dei Carabinieri del Nucleo Investigativo ha permesso di arrivare all'identificazione dei due presunti autori della mortale aggressione avvenuta la notte del 2 luglio scorso. Subito dopo i fatti i responsabili dell'omicidio avevano fatto perdere le proprie tracce allontanandosi dalla provincia di Mantova. Uno degli stessi, cittadino marocchino di 35 anni regolarmente presente sul territorio, è stato localizzato localizzato l'8 luglio a bordo di un treno in provincia di Varese. Sulla scorta degli elementi di prova acquisiti e per la contingenza della fuga, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto, convalidato dal Gip di Mantova, che ha anche disposto su richiesta della Procura di Mantova la custodia cautelare in carcere con l’accusa di concorso in omicidio volontario e di tentato omicidio.

La vittima è un giovane ragazzo albanese, Ndrecaj Atiljo che, a seguito delle violentissime lesioni provocategli con l’utilizzo di una mazza da baseball, ha perso la vita. Lesioni gravissime sono state accertate anche per un italiano che, nella medesima circostanza e con le stesse modalità, ha lottare contro la morte. Quest'ultimo è tuttora in fase di delicata convalescenza. L’altro indagato è tuttora ricercato con attività incessante da parte dei Carabinieri di Mantova.

Le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Mantova, delegate al Nucleo Investigativo dei Carabinieri, hanno sinora permesso di raccogliere molteplici riscontri attinenti alla ricostruzione della dinamica e dei fattori scatenanti l’evento criminale. Le investigazioni, anche di natura scientifica delegate al Ris Carabinieri di Parma sui numerosi reperti rinvenuti sulla scena del crimine, sono tuttora in piena fase evolutiva.

Segui la diretta di Telemantova