cronaca

Organizzano la rapina del cliente: in due in carcere

Sono una coppia, uomo e donna, trent'enni nordafricani: avevano derubato un 40enne italiano di 500 euro
Il luogo della rapina
Il luogo della rapina
Il luogo dell'aggressione

Due nordafricani, entrambi trent'enni, sono dallo scorso fine settimana in carcere perchè indagati per rapina a mano armata in concorso. A fermarli i caraibnieri del Nucleo operativo e radiomobile, su ordine della Procura di mantova e di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip.

Sono ritenuti responsabili della rapina subita da un 41enne italiano nella notte del 2 marzo. Secondo quanto ricostruito da inquirenti e investigatori, la loro vittima si trovava in compagnia della trentenne nelle vicinanze del sottopassaggio ferroviario che collega palazzo Te al quartiere Te Brunetti. Qui sarebbe stato avvicinato dall'uomo, con il volto coperto e armato di un coltello. Sotto minaccia sarebbe stato costretto a dare loro tutto ciò che aveva: 500 euro in contanti.
Le indagini hanno permesso di accertare che sino a pochi istanti prima la rapina la donna era rimasta in contatto telefonico con l'uomo. Nella casa di questi sono poi stati ritrovati gli indumenti con i quali il sistema di videosorveglianza comunale lo aveva ripreso in zona.

Segui la diretta di Telemantova