Asola

14enne e spacciatore: i carabinieri intervengono ai giardini "del Chiese"

Un giardino pubblico era la piazza. I genitori, ignari di tutto, erano tra i frequentatori del parco

Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Ma ad interessarsene non sarà la giustizia ordinaria, quanto piuttosto il tribunale dei minori di Brescia dopo la segnalazione dei carabinieri di Asola. I militari, ieri, hanno infatti con un blitz fermato quello che sembrava essere un fiorente mercato allestito ai giardini pubblici del Chiese. A finire denunciato è stato un baby spacciatore neppure quindicenne: dopo minuziose indagini i carabinieri lo hanno identificato mentre si trovava con altri coetanei trovandogli trecento euro in contanti, una busta contenente hashish e un mini bilancino di precisione. Abbastanza perché venisse denunciato alla procura minorile. Ma c’è di più: tra le famiglie che affollavano i giardini c’era proprio quella del ragazzo, ignara di quanto stava accadendo. I genitori, tanto suoi quanto dei ragazzi dei quali era in compagnia, sono stati convocati in caserma per essere informati dell’accaduto: ora ai carabinieri spetterà il compito di individuare fornitori e clienti dell’attività di spaccio.