Welfare

Alla Rsa Boni visite con il green pass. E' la prima del mantovano

La residenza di Suzzara apre agli incontri degli ospiti con i familiari dotati di green pass

Le precauzioni perché avvengano preferibilmente all’aperto e comunque al di fuori delle stanze personali rimangono, ma alla boni di suzzara i familiari possono tornare ad abbracciare i propri cari anche al di fuori dei tunnel gonfiabili. Questo grazie ai pass vaccinali: da alcuni giorni è stata riattivata la possibilità del contatto anche fisico alla luce dell’alta percentuale di vaccinati tra gli anziani residenti, oltre il 95%, e a patto che i visitatori abbiano ricevuto anche una sola dose anticovid, abbiano recentemente superato la patologia o siano in possesso di un tampone con esito negativo eseguito entro le 48 ore. Rispondendo ad uno di questi requisiti è possibile prenotare una visita secondo il calendario di giorni e orari, in accordo con gli operatori. Durante l’incontro, ad ulteriore garanzia, viene richiesto ai familiari di continuare ad indossare le mascherine e di igienizzare con buona frequenza le mani.
I primi allentamenti nella chiusura totale all’esterno risalgono ad aprile, attraverso i due tunnel gonfiabili donati da Cgil e Guiducci. Sono circa ottanta i colloqui organizzati in questo modo a settimana, ai quali si aggiungono le videochiamate con l’assistenza degli operatori della struttura.