Il caso frequenze

Faltracco (cfo Athesis): "Venerdì a Rai Way il progetto per gli interventi"

E' stata fissata una riunione del tavolo tecnico. La proposta consente di irradiare la parte nord orientale e quella a sud della provincia di Mantova oggi scoperte

Mentre la politica e gli amministratori locali si stanno mobilitando sul “caso Telemantova”, che cosa avviene sui tavoli tecnici e regolamentari?  Lo chiediamo a Andrea Faltracco, CFO del Gruppo Athesis (editore di Telemantova)  e delegato dall’AD Montan alle questioni dell’alta frequenza. 

“Venerdì – spiega il dottor Faltracco - è stata fissata una riunione del tavolo tecnico istituito con l’emendamento al Milleproroghe in cui Regione Veneto e emittenti dell’Area AT5 - che come sappiamo comprende anche Mantova - presenteranno all’operatore RAI Way  un progetto di modifica dell’impianto di Velo Veronese; tale modifica ha l’obiettivo di migliorare il segnale in Veneto ma anche di permettere finalmente la sintonizzazione di Telemantova e delle altre emittenti venete in una parte del territorio mantovano oggi scoperta, diciamo quella nord orientale ed in parte quella sud. Il progetto ovviamente dovrà essere validato da RAI Way ed in caso inviato al MISE per la sua valutazione, e ci auguriamo approvazione”. 
E per l’area ovest della provincia, che sappiamo non potrà comunque essere risolta dall’eventuale modifica di Velo Veronese?
“Qui la questione resta irrisolta da un punto di vista tecnico; abbiamo avuto proprio oggi un incontro con il MISE che ha confermato le problematiche giuridiche legate all’irradiamento di questa zona da parte di impianti posti al di fuori del territorio veneto o mantovano corrispondente all’area AT5. A fronte di queste risposte chiederemo dunque un incontro urgente su questo punto specifico all’operatore RAI Way, avendo ricevuto la disponibilità degli uffici politici del ministero a partecipare all’incontro.”